Le Feste

Share Button

La Festa della Candelora, rappresenta indubbiamente la Festa più sentita dai Fedeli del Santuario di Nostra Signora della Rovere in San Bartolomeo al Mare e dai numerosissimi turisti che visitano il Santuario per assistere alle numerose funzioni e celebrazioni di rito.

La Festa in se stessa fonda le sue radici in tempi antichi pre-cristiani, ove la stessa detta anche Festa della Purificazione di Maria, e la Chiesa Cattolica celebra il 2 febbraio la Presentazione al Tempio di Gesù.

Popolarmente viene chiamata Festa della Candelora, poichè in questo giorno si benedicono le candele, simbolo di Cristo “luce per illuminare le genti”. La solenne celebrazione religiosa ha significato ancestrale per la sua funzione di purificazione, prima della lunga Quaresima.

La Festa al Santuario è inoltre popolata da un animato mercato all’aperto di lunghissima tradizione da circa 300 anni.

L’evento rappresenta uno degli appuntamenti etnografici più intensi dell’intero Ponente Ligure: ha origine nel XVII secolo e costituisce momento di notevole importanza religiosa, economica e sociale, legato alla tradizione dell’intera costa e vallate interne.

Storicamente la fiera segnava un passaggio tradizionale nell’ambito delle attività agricole, perchè, terminata la stagione olivicola, si aveva una chiara situazione della annata e si impostavano i lavori per la primavera, come l’acquisto di alberi da frutto, di concime, di animali da lavoro e si stipulavano contratti per l’esportazione dell’olio. Tant’è che una delle figure maggiormente presenti ed emblematiche alla fiera, era proprio quella del notaio, incaricato della stipula dei nuovi contratti commerciali, delle genti della costa e dell’entroterra; pastori, agricoltori e facoltosi commercianti che giungevano sia dal Basso Piemonte sia dal Savonese.

#candelora